Bel Paese

Immagine grafica per il progetto "Bel Paese"

>> Sei nella Sezione Arte contemporanea
>> Sei nella Sezione Attività internazionali

Bel Paese. Promoting Italian Art Around the World è un programma di networking internazionale che nasce nell’ambito del Protocollo di Intesa siglato a luglio del 2021 dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura e dal Comitato Fondazioni Arte Contemporanea con l’obiettivo di promuovere l’internazionalizzazione dell’arte italiana nell’ambito di una virtuosa partnership pubblico/privato.

 

Bel Paese si pone in continuità e come evoluzione del progetto Grand Tour d’Italie promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea con la collaborazione di alcuni dei principali network di residenze italiani per tre edizioni (2016, 2018, 2019) con l’obiettivo di promuovere la mobilità e le relazioni tra artisti italiani mid-career con curatori e direttori di residenze artistiche e centri d’arte contemporanea internazionali. Come in quel caso, Bel Paese vuole dare la possibilità ad artiste e artisti italiani di poter entrare in contatto con alcune delle figure professionali delle più prestigiose realtà internazionali d’arte contemporanea, al fine di creare occasioni di collaborazione e opportunità di sviluppo della carriera attraverso percorsi di promozione e valorizzazione della propria ricerca all’estero.

 

In quanto progetto strettamente dedicato alla promozione internazionale della cultura contemporanea italiana, Bel Paese si inserisce nell’ambito dei principali obiettivi strategici della Direzione Generale Creatività Contemporanea e del Ministero della Cultura e, in tal senso, è uno dei progetti di punta sostenuti dal Fondo per il potenziamento della promozione della cultura e della lingua italiana all’estero per il triennio 2022-2024 nell’ambito delle azioni di diplomazia culturale messe in atto con la Direzione Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale del MAECI.

 

Nel corso di tre anni Bel Paese. Promoting Italian Art Around the World vede il coinvolgimento di 6 città italiane, 60 artiste/artisti, 30 curatrici/curatori internazionali.

 

Nel 2023, per la sua prima edizione, le città coinvolte sono Napoli (10-11-12 luglio 2023) e Torino (22-23-24 settembre 2023), due centri che incorporano un dialogo interculturale tra Mediterraneo ed Europa volto al rafforzamento di valori, pratiche, principi pubblici che fanno dell’arte e della cultura italiane uno strumento globale aperto per rinsaldare la pace, favorire l’eguaglianza socioeconomica, sostenere i diritti di tutte le comunità umane. Sedi ufficiali delle attività scientifiche e degli incontri sono la Fondazione Morra Greco a Napoli e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a Torino.

 

A Napoli, le artiste e gli artisti selezionati sono: Francesco Arena, Stefano Arienti, Betty Bee, Jacopo Benassi, Giulia Crispiani, Caterina De Nicola, Adji Dieye, Raffaella Naldi Rossano, Lina Pallotta, Giulia Piscitelli. Le curatrici e i curatori internazionali sono Michelle Cotton (Mudam, Luxembourg), Joao Laia (KIASMA, Helsinki), Claudia Segura (MACBA, Barcellona), Fabian Schöneich (CCA, Berlino), Milan Ther (Kunstverein, Amburgo).

 

A Torino le artiste e gli artisti selezionati sono: Benni Bosetto, Ludovica Carbotta, Guglielmo Castelli, Tomaso De Luca, Binta Diaw, Sara Enrico, Marco Giordano, Jem Perucchini, Luca Trevisani, Shafei Xia. Le curatrici e i curatori internazionali sono: Marie Cozette – Crac Occitanie (Francia), Agustin Perez Rubio – Former Director MUSAC, MALBA, Curator 11th Berlin Biennale, Independent Curator, Madrid, (Spagna), Hicham Khalidi – Van Eyck Academy (Olanda), Vincent Honore – Mo.Co (Francia), Anna Gregersen – Glyptoteket (Danimarca).

 

Bel Paese – Com. stampa di lancio del progetto e dell’appuntamento di Napoli 05.07.2023
Bel Paese – Video della conferenza di presentazione 05.07.2023

Bel Paese – Com. stampa per l’appuntamento di Torino 19.09.2023

 

Fotografie: le due sedi ufficiali delle attività scientifiche e degli incontri di Bel Paese: la Fondazione Morra Greco a Napoli e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a Torino.

Ultimo aggiornamento in data 18 Gennaio 2024